L'amore e le cure per gli animali con esperienza trentennale

Cimurro

cimurroCimurro del cane

Il cimurro è una malattia infettiva virale molto contagiosa dovuta ad un virus che colpisce soprattutto cani non vaccinati e cani anziani.

IL virus è poco resistente in ambiente esterno ed il contagio avviene prevalentemente per inalazione fra cani.

Il virus si ritrova in tutte le escrezioni, comprese le feci, a partire da circa una settimana dopo il contagio.

Sintomi del cimurro

Il cimurro dopo circa 4-7 giorni dal contagio, può dare febbre, abbattimento ed inappetenza con sintomi riguardanti diversi apparati, singolarmente o contemporaneamente:

  • apparato respiratorio con respiro difficoltoso, tosse e scolo nasale.cimurro
  • Occhio con lacrimazione ed arrossamento dovuti ad alterazioni ed ulcere della cornea
  • Apparato gastrointestinale con vomito, diarrea e disidratazione
  • Apparato nervoso con convulsioni, contrazioni muscolari lente,  paralisi e comportamento anomalo
  • Cute  dermatite ed indurimento dei cuscinetti plantari e tartufo http://www.pet-informed-veterinary-advice-online.com/images/hardpad-canine-distemper.jpg

Il cimurro si può manifestare in diverse forme a seconda della gravità, dell’età e della resistenza del cane.

I sintomi  possono essere diversamente combinati fra loro a seconda degli apparati coinvolti originando forme particolarmente aggressive, forme benigne con segni poco specifici, e forme atipiche soprattutto neurologiche che colpiscono cani anziani e cani che hanno superato la fase acuta della malattia ma che manifestano segni neurologici dopo alcune settimane.

Sovente si rilevano ispessimenti dei cuscinetti plantari e tartufo nasale, erosioni dello smalto dei denti nei cani in crescita e dermatite.

cimurro:prognosi e terapia

La terapia del cimurro è sintomatica e di sostegno, deve evitare l’nsorgere di infezioni secondarie soprattutto batteriche con antibiotici, contrastare la disidratazione con flebo, farmaci antivomito ed antidiarroici. 

Curare eventuali ulcere corneali con antibiotici locali (evitare assolutamente cortisonici), contrastare possibilmente tosse e catarro con fluidificanti e idratanti.

Più difficile contrastare l’evoluzione neurologica somministrando anticonvulsivanti quando queste si manifestano.

L’evoluzione può portare a guarigione completa o con conseguenze varie(nervose, dermatologiche o dentali), oppure a morte nel giro di alcune settimane.

Diagnosi di cimurro

Si basa sui sintomi e su esami di laboratorio sebbene talvolta la sintomatologia l’andamento della malattia sono sufficienti.

Prevenzione del cimurro

La vaccinazione con virus vivi attenuati offre una protezione ottimale e duratura. é preferibile evitare nelle femmine gravide.

In ambienti a rischio od in corso di epidemia occorre vaccinare i cuccioli già a 6 settimane ripetendo ogni 21 giorni fino ai 3 mesi.

Se le madri non sono vaccinate si può cominciare gia a 3 settimane.

E’ consigliabile effettuare un richiamo annuale per mantenere elevata la protezione anticorpale.

Ulteriori notizie sulla vaccinazione al linkhttps://www.clinicaveterinariaportotorres.it/la-vaccinazione-del-cane/

(Visited 58 times, 1 visits today)